Razzismo democratico
La persecuzione degli stranieri in Europa
La persecuzione del nemico di turno è un fatto politico totale: assicura consensi e business, è il crime deal del XXI secolo.
A trent’anni dall’inizio della rivoluzione liberista riemergono pratiche e discorsi analoghi a quelli adottati nei secoli scorsi nei confronti dei popoli colonizzati e dei lavoratori che osavano cercare di emanciparsi. Come negli Stati Uniti, anche nei paesi europei il crime deal è ormai una realtà le cui ricadute sociali sembrano ancora sconosciute.
I testi qui raccolti, realizzati dai ricercatori europei del progetto Crimprev, studiano il processo di criminalizzazione su migranti, zingari e marginali autoctoni, la “tolleranza zero” e l’esasperazione delle paure e delle insicurezze. Attraverso un’analisi critica dei dati statistici, tutto ciò è interpretato come un’efficace risorsa politica ed economica del potere neoconservatore.

Contributi di Marcelo F. Aebi, Hans-Joerg Albrecht, Edoardo Bazzaco, Mary Bosworth, José Ángel Brandariz García, Alessandro De Giorgi, Nathalie Delgrande, Cristina Fernández Bessa, Mhairi Guild, Bernard E. Harcourt, Yasha Maccanico, Marcello Maneri, Laurent Mucchielli, Sophie Nevanen, Salvatore Palidda, Gabriella Petti, Nando Sigona, Jérôme Valluy, Fulvio Vassallo Paleologo, Tommaso Vitale. Progetto Crimprev: Assessing Deviance, Crime and Prevention in Europe
Foto di copertina Eugenio Viceconte
pp. 256 • 2009
ISBN
ISBN 978-88-95029-27-6
Attualmente non disponibile

Iniziative

Domenica 6 maggio 2012
Domenica 1 aprile 2012
Venerdì 12 novembre 2010 ore 17.00 @ Biblioteca di storia moderna e contemporanea Palazzo Mattei di Giove - Via Michelangelo Caetani 32 - Roma

Vedi anche

Il proletariato greco trova in se stesso la forza di rialzarsi, di farsi centrale anche verso i ceti medi impoveriti, di ricostruire ambiti propri di ricomposizione sociale, di produzione e di vita.
L’esperienza collettiva di un gruppo di ragazze e ragazzi appassionati di tecnologia e comunicazione che hanno fatto proprio il motto di Primo Moroni “Condividere saperi, senza fondare poteri”.
Era il 24 dicembre. Ormai tutti sapevano del massacro di Sidi Bouzid, la curva degli ultras non poteva più stare ferma, c’era voglia di reagire!
Pensavo che la battaglia fosse persa. Ma subito dopo arrivò la gente da Shubra e da altri slum del Cairo.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su qualsiasi link in questa pagina, dai il tuo consenso al loro utilizzo.

Non usiamo analitici... Clicca per più informazioni