(0)Prodotti

Non hai ancora aggiunto prodotti al tuo carrello.

Acquista il sapere!

Supporto: 02.89401966

Nella tana del drago - Cartaceo

Click on above image to view full picture

  • Nella tana del drago - Cartaceo

Nella tana del drago

Autore: immaginariesplorazioni

Disponibilità: Disponibile

Prezzo di listino: € 15,00

Prezzo speciale: € 12,75

Sku:

nella-tana-del-drago-cartaceo

Dettagli

Le diverse figure che emergono dalla ricerca immaginariesplorazioni possono essere lette come domande e propongono alternative etiche e politiche ai diversi tipi di particolarismi identitari, culturali e razziali.
Roberto Malighetti – Università degli studi di Milano Bicocca

pp. 320, illustrato

ISBN 978-88-95029-63-4

Ulteriori informazioni

Autore immaginariesplorazioni
Versione Cartacea
Sinossi Il Giambellino è un quartiere periferico di Milano costruito tra gli anni venti e trenta del secolo scorso su un terreno agricolo molto fertile. Il rapido insediamento di fabbriche e interi isolati di case popolari lo ha reso un laboratorio sociale e politico a cielo aperto che ha saputo anticipare le trasformazioni urbane e storiche della città. Il suo nome era Cerutti Gino, ma lo chiamavan Drago. La famosa canzone che Giorgio Gaber dedicò alla piccola malavita del Giambellino è lo spunto per un progetto che raccoglie le testimonianze, elaborate in forma narrativa, degli abitanti del quartiere di ogni età.
Nella tana del drago. La tana come luogo accogliente, contrapposto al drago simbolico delle tante anomalie sperimentate nella zona. Il drago Vallanzasca e quello della conflittualità operaia nel dopoguerra, della contestazione ecclesiale e della rottura con il Pci negli anni sessanta. La costruzione della scuola Rinascita e la fondazione del nucleo storico delle Brigate Rosse. La sconfitta dei movimenti e la chiusura delle fabbriche. L’eroina negli anni ottanta con uno dei mercati dello spaccio più grandi d’Italia. L’Aids e la comparsa delle infinite solitudini degli anni novanta. Infine l’arrivo dei migranti che, insieme alle decine di associazioni attive sul territorio, stanno forse sperimentando un nuovo drago, quello di emergenti pratiche e poetiche di coesione sociale.
Sorry No Video Available