carezza

La carezza e la mitraglia

Corriere della Sera, 21 aprile 2020
+ La carezza e la mitraglia, così il romanzo va alla radio

La giovane Elena Beltrami non riesce ad accettare le leggi razziali e il trattamento riservato all’amica Albertina, di origine ebrea. Per questo sceglie di unirsi alla lotta partigiana, andando contro il volere del padre, membro del partito fascista.
Da semplice staffetta, si unirà così alla guerriglia vera e propria, spostando il suo raggio di azione nei boschi delle colline bolognesi. La sua storia è al centro de La carezza e la mitraglia. Romanzo di resistenza a Marzabotto, del bolognese Massimiliano Gollini. Un romanzo storico edito da Agenzia X, ambientato a Bologna e nelle montagne circostanti durante gli anni della Seconda guerra mondiale. Con una narrazione che si sviluppa su tre piani narrativi distinti.
Il primo, dal 1937 al 1946, segue la storia di Elena, accompagnata negli anni di lotta dal ricordo di Odino, il ragazzo di cui si era innamorata prima della guerra e di cui ha perso le tracce dopo pochi mesi dalla sua partenza per l’Etiopia. Prima di lasciarsi, avevano promesso reciprocamente di incontrarsi nell’appartamento di Albertina a guerra finita. Al racconto della vita di Elena si alterna quello di una singola giornata, il 17 aprile 1945, in cui si snodano le vicende di Anima, una partigiana che ha come obiettivo l’uccisione di Walter Reder, il comandante del battaglione SS responsabile degli eccidi di Monte Sole. Morto poi a Vienna nel 1991, da libero cittadino, dopo aver scontato anni di prigione in Italia.
Anima è appostata su una collina di fronte al quartier generale nazista e, armata di un fucile di precisione fabbricato in Russia, attende la sera per colpire. Il terzo livello si sviluppa nella mattina del 25 luglio 1946 e riguarda Odino, che, riuscito a tornare a casa, si mette alla ricerca di Elena nella speranza di trovarla. Arrivato a Bologna, partendo dalla stazione di dirige verso il luogo dell’appuntamento, attraversando una città nella quale sono ancora vive le ferite della guerra. Solo nel finale delle 338 pagine, che comprendono anche una breve appendice fotografica e alcune cartine geografiche, i fili si riannoderanno tutti. Gollini, laurea in discipline storiche, da anni si occupa del movimento di Liberazione attivo nel territorio emiliano.
I personaggi del suo romanzo sono davvero esistiti e alcuni di essi hanno conservato gli stessi nomi che avevano in vita, tanto che l’ultimo ringraziamento va a Elena Nanni e Oddino Verardi, «la cui storia mi ha inseguito per anni, fino a raggiungermi». Il romanzo avrebbe dovuto uscire oggi in libreria, con la copertina disegnata da Andrea Bruno, ma l’emergenza Covid 19 ha fatto slittare l’uscita a metà maggio. In compenso, p disponibile già da oggi in formato ebook e soprattutto in occasione del 75° anniversario della Liberazione di Bologna, verrà presentato con una maratona di lettura sulla webradio Radiovirus.org. Con 55 lettori e lettrici coinvolti, compresi Marco Philopat e lo stesso autore. «È stato un po’ difficile – racconta Gollini – ma siamo riusciti a metterlo tutto insieme e partiremo stasera alle 21, così per 5 puntate fino al 25 aprile».

di Piero Di Domenico

Tags:



I commenti sono chiusi.

Torna su ↑