cop_reed.indd

Il grande incantatore

Magazzinojazz, 15 dicembre 2016
+ Il grande incantatore

Il grande incantatore. Per Ishmael Reed, a cura di Giorgio Rimondi
Ishmael Reed è uno dei più controversi e influenti scrittori afroamericani a cavallo tra vecchio e nuovo millennio. Manco a dirlo la sua Black Aesthetic è imbevuta di jazz, a partire da Mumbo Jumbo, uno dei capolavori della letteratura americana, un testo completamente attraversato da una particolare rilettura del ruolo giocato dalla musica nelle vicende americane. Fino ad oggi solo questo romanzo è stato tradotto in italiano e non mi dilungherò qui in una sinossi del libro, pressoché inutile, ma l’invito è ovviamente a leggerlo al più presto e a procurarsi insieme Il grande incantatore che presenta un piccolo florilegio di poesie di Reed, tradotte da poeti e autori italiani e raccoglie una serie di saggi che raccontano questo scrittore e il suo mondo. Tra gli studi ospitati troviamo quelli di due dei massimi esperti nel binomio letteratura e jazz in Italia: Giorgio Rimondi e Franco Minganti. Rimondi ricostruisce la fortuna di Mumbo Jumbo nel nostro Paese, dove ha avuto tra i suoi primi estimatori Elémire Zolla, che ne ha colto gli aspetti magici ed esoterici, mentre in America tra i suoi sponsor troviamo niente meno che il sommo critico Harold Bloom. Reed che è stato descritto da Max Roach come un “Charlie Parker della letteratura” ha flirtato a fondo con il jazz, anche quello suonato, come ci spiega Marcello Lorrai che traccia per sommi capi una storia delle collaborazioni tra il Reed performer e alcuni jazzisti di primo piano come David Murray, Carla Bley, Kip Hanrahan, tra gli altri. Minganti, con un sentito saggio critico, in parte anche autobiografico, racconta l’importanza del lavoro di Reed, di quel suo postmodernismo difficilmente incasellabile.
Abbiamo parlato delle poesie inedite e quindi non è possibile non estrarre almeno qualche citazione. Per tornare a Charlie Parker in Poetry Makes Rhythm in Philosophy troviamo un confuse sogno alcolico dove al poeta compare un fantasma: …ho discusso con Bird di Kansas City / Stavamo parlando del / ritmo e io ho detto / “il ritmo dà il movimento a tutto / fa oscillare le stagioni / sostiene gli elementi / come fanno le dita veloci di Paul Chambers”
Oppure in When I Die I Will Go to Jazz; quando morirò io andrò nel jazz, un luogo favolistico dove il poeta non sogna di trovare un paradiso e neanche teme l’inferno: Chi ha bisogno dell’arcangelo Gabriele / quando abbiamo Clifford, Clark, Lee e Bix / puoi aggiungere Thad / a questo gruppetto illustre / e Prez e Billie seduti / sui loro troni / e la loro corte indossa porkpies / gardenie e gilet a scacchi / e il ritmo del posto è / come Denzil Best / con Mingus e Ray Brown che fanno / il loro dovere al basso…

di Franco Bergoglio

il manifesto, 22 maggio 2016
+ Nel segno di Ishmael Reed
Incontri. Il settantottenne scrittore e performer, un nome mitico per chiunque si occupi di poesia e letteratura afroamericana, di jazz e di black culture, è in Italia: stasera tappa a Vicenza
Ishmael Reed: un nome mitico per chiunque si occupi di poesia e letteratura afroamericana, di jazz, di “black culture”. Oggi, alle ore 18, al Palazzo Montanari di Vicenza c’è la possibilità di ascoltare e vedere il settantottenne scrittore e performer (ultima sua opera The Complete Muhammad Alì, biografia del leggendario pugile). In realtà Reed è alla fine di un breve tour iniziato il 17 a Roma con una lezione universitaria (più una lunga intervista per RadioTre che andrà presto in onda per Battiti, a cura di Pino Saulo ed Antonia Tessitore) e proseguito il 19 a Venezia ed il 20 a Treviso. È la città lagunare il vero “epicentro” della venuta in Italia di Ishmael Reed perché qui giovedì scorso (ore 10, aula Baratto dell’Università Ca’ Foscari) è stato assegnato allo scrittore afroamericano il premio alla carriera “Alberto Dubito International”, premio «riservato a personalità del mondo artistico che si siano distinte per l’attenzione alla correlazione tra testo e linguaggi musicali».
Reed è stato scelto dal comitato organizzatore (ne sono membri, fra gli altri, Paolo Feltrin, Marco Philopat, Lello Voce, Andrea Liberovici, Giorgio Rimondi, Marco Fazzini ed Alessandro Scarsella) che ha deciso di assegnargli il premio (intitolato alla memoria di un poeta/artista prematuramente scomparso) «in considerazione dell’attività pionieristica svolta nell’ambito della performance poetico-musicale e della grande influenza esercitata sulle giovani generazioni».
Paradosso vuole che di nove romanzi, cinque raccolte di poesie e quattro di saggi di Ishmael Reed in Italia non ci sia quasi traccia, nonostante la sua trentennale docenza a Berkeley ed i numerosi riconoscimenti internazionali (fra cui il MacArthur Fellowship nel 1998). Il premio veneziano vuole, non solo simbolicamente, riempire questo “vuoto editoriale”: infatti in concomitanza con il conferimento a Ca’ Foscari è uscito il volume Il grande incantatore (edizioni Agenzia X), curato da Giorgio Rimondi e Lello Voce. Diviso in due parti, il libro prevede saggi che inquadrano la poliedrica e trasgressiva personalità di Reed (con un omaggio del poeta George Elliot Clarke) ed un’antologia poetica dai primi anni settanta alla contemporaneità. Le liriche (con testo originale a fronte) sono state tradotte per l’occasione da svariati poeti italiani, da Wu Ming 1 a Sara Ventroni, da Marco Fazzini a Sergio Garau.
In febbraio è anche uscita una nuova edizione di Mumbo Jumbo (1972), il romanzo di Ishmael Reed dall’estetica Neo-HooDoo che scardinò linguaggio ed idee in una prospettiva afrocentrica eversiva ed intimamente jazzistica. Minimum fax pubblica il testo (pagg. 303, euro 14,50) con una prefazione di Elémire Zolla (1981) ed un profilo bio-bibliografico a cura di Liborio Conca. La traduzione di Anne Meservey è stata riveduta e corretta da Giovanni Garbellini. Al di là della cura della nuova edizione (nei “minimum classics”) il testo è stato, però, privato del suo fondamentale e strutturale apparato iconografico, integralmente presente nell’edizione Rizzoli del 1981 ed in quella più recente di ShaKe edizioni (2003). Ciò vuol dire depotenziarne la forza comunicativa e soffocarne l’intrinseca multimedialità, così caratteristica del poeta, performer, saggista, editore e animatore culturale nato nel Tennessee, cresciuto a Buffalo ma da tempo residente in California. Forse sarebbe stato più opportuno tradurre in italiano Flight to Canada (1976) o Reckless Eyeballing (1987).
La musica in Reed è intimamente intrecciata alla scrittura. Da dilettante ha suonato violino e trombone e a sessant’anni si è messo a studiare piano jazz. «Per me – ha detto durante l’intervista radiofonica con Pino Saulo ed Antonia Tessitore – il jazz era molto di più di una musica, era un modo di vita ed i jazzisti erano dei non conformisti. Ho incontrato Max Roach ed è grazie a lui che non sono finito in riformatorio perché abbiamo passato tanto tempo insieme ad ascoltare jazz». Le parole di Ishmael Reed sono al centro di almeno un paio di album seminali degli anni ’80, realizzati da Kip Hanrahan e pubblicati dalla American Clavé: Conjure: Music for the Texts of Ishmael Reed (1984) e Cab Calloway Stands In For the Moon (1988). (Disse allora il direttore/regista: «Ascolta, nel cuore di Conjure sta la sua sezione ritmica (yeah, include anche fiati e leggende) e swinga con così tanta forza ed intelligenza che puoi avvertire la gioia che i musicisti hanno provato lavorando insieme e scrivendo gli uni per gli altri e non riesci a sfuggire al rispetto vivente che essi stessi hanno per la magia della tradizione. Al suo tagliente cento ci sono le parole e le storie di Ishmael Reed (genuino Realismo Magico Americano?) che reintegrano storie e parole nella tradizione verbale dei griot, da cui provengono. Gran parte della magia è verticale tanto quanto orizzontale, non è vero?».

di Luigi Onori

Tags:



I commenti sono chiusi.

Torna su ↑