londra

Londra zero zero 17

Venerdì 6 dicembre 2013 ore 19.00
@ Osteria Ai Preti – Interrato dell’acqua morta 27, Verona

All’interno della rassegna [Rumori indistinti]
ore 19.00 • Lorenzo Fe presenta Londra 00
Interviene via Skype Brian Belle-Fortune, autore di All Crews. Viaggio alle radici della jungle drum & bass
Lorenzo Fe scrive di Londra, alla fine degli anni Duemila; lo sradicamento congenito di ogni individuo nella metropoli moderna – in una Londra usa-e-getta dal rapidissimo mutamento – fa da specchio alle testimonianze di una generazione di musicisti che hanno segnato un’epoca e un genere: l’ambiente del grime e della dubstep ci viene raccontato dai suoi protagonisti e dalle testimonianze di lonely londoners odierni. L’autore presenterà il libro accompagnato dai dj di Infuzion.
ore 21.00 • Infuzion dj set (dubstep/jungle)

[Rumori indistinti] è una rassegna di musica elettronica raccontata che si terrà nei giorni 6, 13, 20 dicembre 2013
Lorenzo Fe, Johann Merrich, Riccardo Balli creano nei loro libri degli scenari sonori e sociali: da punti di vista diversi e con diverse modalità esplorano i rapporti tra la musica e la società che l’ha originata, le persone che l’hanno prodotta e suonata e gli ambienti con cui è entrata in risonanza.
Attraverso le loro narrazioni esploriamo la geografia della musica elettronica: il mondo intellettuale della composizione avanguardista europea e statunitense, le origini jamaicane della techno, con il dubbing e della cultura dei sound system, il ritorno nei “laboratori di strada” europei, fatti di rave e radio pirata, le nuove periferie londinesi ospiti di una generazione migrante alla ricerca di suoni condivisi.
Emerge l’essenza politica delle sonorità: nella totalizzante società dell’informazione il “rumore indistinto”, il noise, è lo spazio della sperimentazione, uno spazio non intellegibile perché non codificato, momento in sé rivoluzionario perché non ancora normalizzato. È in questo magma sperimentale che sta il potenziale del cambiamento, della devianza dalla norma.
I tre incontri, fatti di narrazioni testuali e sonore, ci raccontano questi momenti e questi spazi, queste rivoluzioni di “minoranza”, in un percorso antropologico attraverso la musica elettronica.

Qui il programma completo

Tags:



I commenti sono chiusi.

Torna su ↑