staid

Le nostre braccia 11

Giovedì 22 marzo 2012 ore 21,00
@ Libreria Tra Le Righe – via Corsica 8 – Pisa

L’associazione AutAut e la Biblioteca Franco Serantini presentano il libro di Andrea Staid edito per Agenzia x Le nostre braccia. Meticciato e antropologia delle nuove schiavitù, a seguire sarà proiettato il corto 24 su 24_donne lontane da casa realizzato da Luca Baroncini, sulla vita delle badanti.

Nel libro l’autore sceglie un approccio sincero e propositivo alla questione migrante, offrendo uno spunto critico personale sia alle interpretazioni antropologiche classiche europee, sia alle conseguenze politiche e culturali delle quali si rendono complici o promotori gli Stati con la loro perversa articolazione di controllo dei flussi e repressione. La prima parte, più specificamente analitica, è rivolta ad evidenziare sia la confusione vigente tra multiculturalismo e interculturalismo, sia il loro intrinseco identitarismo. La seconda parte del libro è invece dedicata alle interviste non strutturate alle/ai migranti, che restituiscono con voce propria la cornice di un viaggio, spesso amaro, difficile, ma anche inaspettatamente ricco di incontri complici e solidali, utile per comprendere le nostre gabbie e l’unica voce di un’umanità meticcia.(dalla recensione di Martina Guerrini uscita per “Umanità Nova”)

Il corto (12 min) prodotto nell’ambito del corso di formazione esperto di videodocumentazione sociale diretto da Daniele Segre,è stato realizzato all’interno del “Centro integrato servizi per donne straniere e famiglie” finanziato dall’Unione Valdera e pensato con la Cooperativa Sociale “Il Progetto” che ha sede a Pontedera. Quattro donne, protagoniste di una storia che riguarda milioni di migranti che scelgono di andare via dalle loro case, dalle loro famiglie, di lasciare mariti e figli, per venire nel nostro paese ad impegnarsi in un lavoro duro e a tempo pieno. Queste donne parlano del loro lavoro, costantemente a fianco di persone anziane, spesso con malattie gravi. Parlano della lontananza da casa, del loro poco tempo libero, di una vita che pare non essere più loro. Questo video tenta di dare loro voce…

Vi aspettiamo

Tags:



I commenti sono chiusi.

Torna su ↑